CHI SONO

Come Naturopata mi propongo di accogliere il cliente a 360°.

Il concetto di unità tra le varie componenti dell’ essere umano è la base portante del mio lavoro, così, oltre a valutare alimentazione, stress e possibili blocchi, cerco di valutare anche tutte quelle dinamiche che non permettono alla persona di fluire liberamente nella propria vita.

Alimentazione, Floriterapia, Trattamenti riflesso logici, sono solo alcuni dei mezzi che uso per cercare di essere utile a chi viene in consulenza.

Sono convinto anche che un ruolo fondamentale del Naturopata sia quello di creare connessioni.

Una delle caratteristiche della figura storica del Naturopata è quella di essere completamente inserito nel tempo, nel luogo in cui vive. Credo sia di fondamentale importanza, per figure come la mia, mettere da parte ogni egoismo e cercare di aiutare chiunque a trovare una strada verso il benessere, anche se questa non incrocia la mia. In un periodo storico come questo, ritengo sia indispensabile creare unione e non divisione.

 

Ci sono due frasi che mi sono sempre rimaste in mente nel primo libro di naturopatia che ho avuto sotto mano, ossia il libro “Basi fondamentali di Naturopatia” del Dr. Rudy Lanza:

 

“il terapeuta del futuro non somministrerà medicine, ma coinvolgerà il paziente nella cura della struttura e delle funzioni dell’organismo umano, nell’alimentazione, nelle cause e nella prevenzione delle malattie”

(Thomas Edison)

 

“il paziente di domani deve comprendere che lui, e lui solo, può portare a se stesso sollievo dalla sofferenza, sebbene egli possa ricevere consiglio e aiuto da un fratello più anziano che lo assisterà nello sforzo“

(Edward Bach)

Sono due frasi che riassumono sia il percorso personale che ho intrapreso, sia quello professionale.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando OK o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.